Le attività dell’uomo, così come taluni processi naturali, danno vita ad una serie di sostanze di scarto, elementi che evidenziano la necessità di provvedere al loro corretto smaltimento.
Con il termine rifiuti si fa riferimento proprio a tali materiali, inglobando tutto in un insieme generico, non adatto ad evidenziare le differenze in realtà presenti tra un componente e l’altro.
Proprio per facilitare le operazioni di riconoscimento e, soprattutto, smaltimento, i rifiuti vengono sottoposti a classificazione, sulla base di alcuni specifici parametri presi a modello.
Così, in base all’origine, si avrà la separazione fra rifiuti urbani e rifiuti speciali, mentre, con riguardo alle peculiarità di ciascuno sarà possibile distinguere i rifiuti pericolosi da quelli non pericolosi.

La LT Trasporti (031/4123840), azienda specializzata di Via Leonardo da Vinci n. 2, a Cucciago (CO), offre ai clienti un servizio di consegna e ritiro di materiale classificato come rifiuto speciale non pericoloso.
In aggiunta a tale attività, l’impresa si occupa anche del trasporto di alcuni tipi di rifiuti speciali, come i rifiuti derivanti dalle attività di costruzione e demolizione ed i rifiuti prodotti da attività agricole e agro – industriali.


Rifiuti urbani


I rifiuti urbani identificano un insieme largamente eterogeneo di materiali.Per semplificare ulteriormente l’individuazione di tali specifici rifiuti è, infatti, necessario suddividere gli elementi che compongono il gruppo in altrettanti sotto insiemi.
Dunque, possiamo innanzitutto dire che i rifiuti urbani sono tutti gli scarti domestici provenienti da case e luoghi adibiti ad uso di civile abitazione.
Anche i rifiuti provenienti da locali e luoghi adibiti ad usi diversi da quello appena analizzato possono essere equiparati ai primi, purché si tratti di componenti non pericolosi, simili ai rifiuti urbani per quantità e qualità.
Allo stesso modo, anche tutto ciò che gli operatori incaricati raccolgono da strade ed aree pubbliche, durante il servizio di pulizia, sono da ricondurre al settore dei rifiuti urbani, esattamente come tutti i materiali proveniente da parchi, zone verdi e aree cimiteriali.


Rifiuti speciali 

I rifiuti speciali vengono così classificati in ragione del fatto che si tratta di materiali di scarto, provenienti da attività produttive di industrie e aziende.La specialità deriva dalle modalità di smaltimento dei rifiuti in questione, che devono essere gestiti e distrutti da aziende autorizzate, in possesso delle competenze richieste in ambito tecnico ed amministrativo. 

Nello specifico, rientrano nel novero dei rifiuti speciali i materiali di scarto frutto delle attività agricole e agro-industriali, dalle attività di demolizione, costruzione e scavo, dalle lavorazioni industriali, artigianali e commerciali, dalle attività sanitarie e dalle stesse attività di recupero e smaltimento di rifiuti.


Rifiuti pericolosi


I rifiuti pericolosi rappresentano l’insieme di quelle sostanze di scarto potenzialmente pericolose per l’ambiente o per la salute pubblica.La particolarità dei rifiuti in questione consiste proprio nel loro fattore di pericolosità che, nella maggior parte dei casi, si traduce in una comprovata tossicità, infiammabilità, reattività o corrosività.
Le autorità incaricate della vigilanza sul settore si occupano di stilare un apposito elenco di tali sostanze, allo scopo di agevolare il trattamento dei materiali e, soprattutto, la pratica di prendere apposite precauzioni a riguardo.
Si ricorda che i rifiuti pericolosi non possono essere smaltiti con procedimenti comuni, ma necessitano di essere sottoposti a trattamenti tecnici mirati.
All’interno della categoria dei rifiuti speciali si possono trovare alcuni rifiuti pericolosi come, ad esempio, gli scarti della raffinazione del petrolio.

Inoltre, anche tra i rifiuti urbani possono nascondersi rifiuti pericolosi, basti pensare a tutta quella serie di materiali che, pur essendo prodotti in ambito domestico, contengono al loro interno un'elevata dose di sostanze pericolose, come le pile.


Rifiuti non pericolosi


Appare ovvio, alla luce di quanto detto finora, che i rifiuti classificati come non pericolosi siano tutti quei materiali di scarto che non contengono, al loro interno, sostanze considerate pericolose dalle normative di settore. Per trasportare i rifiuti, la LT Trasporti, società iscritta all’Albo dei gestori ambientali con le categorie 4B e 8D, utilizza mezzi autorizzati alle operazioni, condotti da un personale specializzato, in continuo aggiornamento sulle modalità di trasporto e sulle procedure di sicurezza richieste.