Gli inerti, detti anche aggregati, sono un’ampia categoria di materiali usati nel campo dell’edilizia principalmente per la preparazione di malte, che hanno come caratteristica fondamentale quella di non partecipare alle reazioni del legante che portano all’indurimento della miscela. Questi inerti possono essere naturali, artificiali o riciclati da materiali precedentemente usati nelle costruzioni. Vediamoli nel dettaglio.


Origine degli inerti e funzione principale


Nello specifico gli inerti sono materiali di origine rocciosa che vengono sciolti nella malta secca, e che con l’aggiunta di acqua che innesca la reazione del legante, induriscono il composto creando un conglomerato solido e unito che con il tempo acquista resistenza meccanica agli sforzi. In via generica gli aggregati utilizzati sono principalmente sabbia, ghiaia, argilla espansa, vermiculite e perlite e costituiscono l’ossatura del conglomerato unita poi dalla pasta cementizia o dal bitume o ancora dalla calce. Come dicevamo gli inerti vengono ricavati dalla triturazione naturale o artificiale di particolari tipologie di rocce:Ignee: si formano per solidificazione del magma fuoriuscito durante le eruzioni vulcaniche (es. basalto; granito).

Metamorfiche: si sono formate per processi di cristallizzazione per effetto di elevate pressioni e temperature (marmo; ardesia; quarzite).

Sedimentarie: si sono formate in tempi di ere geologiche per accumulo e solidificazione di sedimenti di varia natura (rocciosi; organici etc.); sono più tenere delle rocce ignee e metamorfiche e quindi non tutte sono adatte alla creazione di malte.

L’utilizzo degli inerti per la creazione delle malte comporta numerosi vantaggi, primo fra tutti la riduzione del rischio di fessurazioni (sia esterne che nella massa) durante la fase di ritiro che avviene nel momento dell’indurimento della pasta fluida; riducono il costo della malta in quanto più inerti vengono utilizzati meno legante viene inserito, e infine comportano un aumento della plasticità dell’impasto. Inoltre possiamo distinguere gli inerti in:

Inerti fini o sabbie: dimensioni più piccole di 5 mm suddivisi a loro volta in naturali (sabbia di fiume o lago) o artificiali (molitura di aggregati più grandi).

Inerti grandi: dimensioni superiori a 5 mm suddivisi a loro volta in naturali o ghiaie e artificiali o pietrisco.

Ciò che li caratterizza e distingue è sicuramente il loro peso /volume specifico; la loro forma e rugosità della superficie; la purezza o presenza di sostanze tendenzialmente chimiche o dannose per le malte ( ad es. e la presenza di composti organici; cloruri solfati; silice reattiva etc.). Tendenzialmente ogni malta, a seconda della sua composizione e quindi del tipo di inerti presenti al suo interno, è più o meno indicata ad una determinata lavorazione nel campo edile. La nostra azienda LT Trasporti a Cucciago - Como, in Via Leonardo da Vinci n. 2, è specializzata da anni nella produzione e vendita di inerti di varie dimensioni, adatti per edilizia civile, lavori stradali, piste ciclopedonali, campi sportivi, massicciate, per fondi capannoni industriali e molto altro ancora. Nel nostro magazzino è possibile reperire un’ampia varietà di materiali adatti ad ogni scopo. Per maggiori informazioni o per un preventivo non esitate a contattarci al numero 031.4123840 o ad inviarci un’email all’indirizzo pasquale.lattaro@libero.it