Gli scavi di sbancamento sono relativi ad un vasto scavo che va a modificare l’andamento naturale del terreno, ossia la quota di scavo finito presenta una profondità di almeno 3 metri rispetto alla quota originaria. In genere si ricorre a questa tipologia di scavo aperto quando è necessario eseguire scavi su vaste superfici quali quelle per la preparazione del terreno su cui dovranno sorgere le costruzioni. Inoltre, in base alla natura del terreno e del volume di terra da scavare, i mezzi utilizzati per gli scavi possono essere martelli pneumatici; macchine escavatrici o anche esplosivi.


Valutazione dei rischi


Negli scavi di sbancamento vi è una sezione molto ampia che consente l’accesso ai mezzi di trasporto sino al fronte di scavo; qui il materiale scavato viene caricato direttamente sui mezzi di trasporto quindi è comprensibile come questi lavori si debbano effettuare nella totale sicurezza del personale addetto. Non a caso queste operazioni sono regolamentate da un testo unico in materia di sicurezza che sancisce determinate regole da seguire dopo una attenta e preliminare fase di valutazione dei rischi, che generalmente sono:
  • delimitazione del ciglio di scavo
  • trasporto e discesa delle macchine degli automezzi di trasporto
  • stabilità del fronte di scavo
  • seppellimento degli operatori
  • sicurezza dei lavoratori a terra


Le misure di sicurezza da adottare


Come dicevamo, il D.Lgs 81/2008 dall’art. 118 al 121 ci fornisce le principali indicazioni sugli scavi:
  • nei lavori di sbancamento, se previsto l’accesso di lavoratori, le pareti delle fronti di attacco devono avere una inclinazione o un tracciato tali, in relazione alla natura del terreno, da impedire franamenti.
  • Quando la parete del fronte di attacco supera l’altezza di 1,5 metri è vietato il sistema di scavo manuale per scalzamento alla base e conseguente franamento delle pareti.
  • Quando per la particolare natura del terreno o per causa di piogge, di infiltrazione, di gelo o disgelo, o per altri motivi, siano da temere frane o scoscendimento, deve essere provveduto all’armatura o al consolidamento del terreno.
  • Nei lavori di escavazione con mezzi meccanici deve essere vietata la presenza degli operai nel campo di azione dell’escavatore e sul ciglio del fronte di attacco.
Un altro aspetto fondamentale è quello di non collocare depositi di materiali presso il ciglio degli scavi, qualora tali depositi siano però necessari alle fasi successive di lavoro, si deve provvedere obbligatoriamente alle necessarie puntellature.

La nostra azienda LT Trasporti, a Cucciago in provincia di Como, in Via Leonardo da Vinci n. 2, è dotata di un vasto parco mezzi aziendali specializzati nel movimento terra; offriamo differenti servizi di sbancamento del terreno attraverso la rimozione di materiali. Grazie ai nostri interventi, è possibile rendere il suolo idoneo alla costruzione di strutture e di basi di appoggio per edifici. Nello specifico ci occupiamo di scavi di sbancamento di piccole e grandi dimensioni impiegando macchinari manuali e meccanici di alta qualità. Non esitate a contattarci per saperne di più sui nostri servizi o per richiedere preventivi gratuiti; potete contattarci al numero 031.4123840 o inviandoci un’email all’indirizzo lt.trasportisrl@libero.it