Le macchine operatrici, come specificato dall’art.58 del codice della strada, sono veicoli operanti nei cantieri e più in generale su strada, classificati come a ruote, a cingoli, trainate o semoventi. Inoltre per far fronte al tipo di lavoro cui è preposto il mezzo, la macchina operatrice spesso viene dotata di particolari attrezzature speciali ed accessorie. Senza questi macchinari dunque risulterebbe impossibile svolgere specifiche attività di lavoro e, proprio per questo, vi è una normativa che le tutela in caso di trasporto e danneggiamento.


 Requisiti per il trasporto delle macchine operatrici



Le macchine operatrici, proprio per il loro considerevole peso e le importanti dimensioni, devono essere trasportate con mezzi idonei; la stessa carrozzeria infatti deve essere consona al trasporto da effettuare, tanto che è la stessa carta di circolazione del mezzo a contenere la dicitura “carrozzeria idonea al trasporto di macchine operatrici da cantiere”. La necessità di una carrozzeria cosiddetta funzionale risiede proprio nel carattere speciale del trasporto, che non è possibile effettuare con mezzi ordinari non predisposti a questa particolare forma di attività. Allo stesso tempo anche il personale dell’impresa che si occupa del trasporto deve essere in possesso di specifiche abilità professionali in grado di assicurare il carico e portare a termine lo spostamento in totale sicurezza, a prescindere dalla distanza effettivamente coperta dall’operazione.



Normativa e competenza del personale addetto


Tra i requisiti che devono avere questi mezzi impiegati al trasporto delle macchine operatrici troviamo:
  • La presenza di pianali attrezzati e avanzate tecnologie per agevolare le operazioni di sollevamento e spostamento
  • la corresponsione, a titolo convenzionale, di un indennizzo di usura, ovvero una somma che verrà calcolata sulla base della massa complessiva a pieno carico, risultante dalla carta di circolazione di ciascun veicolo.
Di seguito l’art. 58 del D.Lgs n.285 emesso dal Ministero delle infrastrutture e dei Trasporti sulle macchine operatrici:

1. Le macchine operatrici sono macchine semoventi o trainate, a ruote o a cingoli, destinate ad operare su strada o nei cantieri, equipaggiate, eventualmente, con speciali attrezzature. In quanto veicoli possono circolare su strada per il proprio trasferimento e per lo spostamento di cose connesse con il ciclo operativo della macchina stessa o del cantiere, nei limiti e con le modalità stabilite dal regolamento di esecuzione.

2. Ai fini della circolazione su strada le macchine operatrici si distinguono in:

a) macchine impiegate per la costruzione e la manutenzione di opere civili o delle infrastrutture stradali o per il ripristino del traffico;

b) macchine sgombraneve, spartineve o ausiliarie quali spanditrici di sabbia e simili;

c) carrelli: veicoli destinati alla movimentazione di cose.

3. Le macchine operatrici semoventi, in relazione alle loro caratteristiche, possono essere attrezzate con un numero di posti, per gli addetti, non superiore a tre, compreso quello del conducente.

4. Ai fini della circolazione su strada le macchine operatrici non devono essere atte a superare, su strada orizzontale, la velocità di 40 km/h; le macchine operatrici semoventi a ruote non pneumatiche o a cingoli non devono essere atte a superare, su strada orizzontale, la velocità di 15 km/h.



La nostra azienda LT Trasporti esegue il trasferimento delle macchine operatrici senza nessun tipo di limitazione grazie ai numerosi mezzi adeguati e ad un personale altamente qualificato e preparato per svolgere in sicurezza queste operazioni

Infatti, nella nostra azienda abbiamo a disposizione mezzi adeguati ed un personale estremamente aggiornato sulle normative e preparato ad affrontare il trasporto in sicurezza. Ci troviamo in Via Leonardo da Vinci 2 a Cucciago, in provincia di Como; per maggiori informazioni non esitate a contattarci al numero 031.14123840 o inviateci una mail all’indirizzo lt.trasportisrl@libero.it per conoscere tutti i dettagli.